Piccole storielle per l'anima  

 

I VESCOVI DI BELLUNO DAL 170 AL 1204

 
   

don Claudio ha raggiunto la casa del Padre .... 

 

Ricordando il Santo Papa Woityla 

 
   

Il Vangelo in immagini

     
   

BOLLETTINO PARROCCHIALE  N. 2 AGOSTO 2018  - con tutte le foto   

 

Tre giorni dello Spirito e di comunità 2021 

   

 

                 
   

Avvisi della settimana dal 23 gennaio al 30 gennaio 2022

     
             

 

             
             

 

             
 

       
       
       
       
       
 

Lo stemma del nuovo Vescovo Renato 

     
       
   

 

       
         
     

 

 
           

 

   
 

Enciclica "Fratelli tutti"

il nostro vescovo Renato

 

video di sintesi

 

     

 

4° Domenica del Tempo Ordinario - 30 gennaio 2022
qu

Presentazione e premiazione

Progetto di adeguamento liturgico della Cattedrale di Belluno

Vangelo   Lc 4,21-30

Gesù come Elia ed Eliseo è mandato non per i soli Giudei.

 

Dal vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidòne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».

All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

                       
       

 

   
 

Lo stemma di Papa Francesco

     

 

             
      don Claudio e la luna

 
             
                             
   

sito segnalato da "Siti Cattolici"

    BUON NATALE  da parte di don Giuliano      il logo del Sinodo   scarica le presentazioni