il Borgo visto da sotto il ponte vecchio (clicca per ingrandire)

IL PIAVE

BOLLETTINO PARROCCHIALE DI S. NICOLO'

  (n. 3 dicembre 1967)

ALCUNE REGOLE D'ORO

  1.  Arriva con un piccolo anticipo sull'inizio della S. Messa: servirà a prepararti all'incontro più importante di tutta la settimana;

  2. Prendi posto nei banchi avanti, senza falsa umiltà: si può essere superbi anche appoggiati al portone d'ingresso. Inoltre gli involontari ritardatari ti saranno grati perché hai lasciato loro i posti in fondo alla chiesa;

  3.  Cedi il tuo posto alle,persone anziane, alle mamme accompagnate dai figlioletti: mostrerai di capire che in chiesa ci sentiamo in famiglia;

  4.  Cerca di seguire le preghiere comuni. Lo so, tu hai cose tutte tue da confidare al Signore e ti piacerebbe tanto essere lasciato in pace. Ma pregando con gli altri tu gli aiuti a pregare, e tu stesso, se sei veramente umile, ti appoggerai alla loro preghiera che stimi più della tua;

  5. Sai cantare? Non è impossibile, ne difficile. Tu canticchi spesso, specie ,quando le cose ti vanno bene. E' un modo spontaneo di esprimere la tua gioia. E dove potremmo sentirei più felici che nella Casa del Padre nostro? E allora canta!;

  6. Se la predica ti annoia (dov'è il predicatore perfetto?) sforzati di meditare un po'. E' l'unico momento della settimana in cui tu puoi farlo. Se poi la cosa fosse insopportabile, abbi il coraggio non di criticare con gli amici, ma di dirlo al sacerdote predicatore. Anche questa è una carità, per il sacerdote e per tutti i fedeli;

  7. Se non ti accosti alla S. Comunione, fa passare coloro che vi si accostano. Mentre attendi che ritornino, spostati in fondo al banco, in modo che non siano obbligati a nuovi «scavalcamenti». (Quando faremo la Chiesa nuova -quando?! - disporremo le cose in modo più comodo);

  8. Prega che il tuo Parroco sappia rendere pieni di fede gli incontri domenicali;  

  9. Non mostrare fretta di andartene: fa pena al Signore al quale dai l'idea di considerarlo come l'esattore delle tasse (si pagano, ma se si potesse fare a meno ... ); al sacerdote che è già conscio di tutti i suoi limiti; ai fedeli di cui sembri non gradire la compagnia. 

  10. Fa tutto il resto che ti senti ispirato di fare: se ti guida la sincerità sarà esempio fulgido di amore a Dio e ai tuoi fratelli.

il tuo parroco

indietro all'indice stroria parrocchiale avanti bollettino dicembre 1981